HOME


Bilinguismo?

data: Fri, 29 Mar 2002
Da: "Harriet"
A: "Conosciamocimeglio Down" <[email protected]>


Non posso trattenermi a lungo siccome I figli sono 4, ma sarei curiosa di scambiare esperienze riguardo il bilinguismo. Io ho ignorato per convinzione personali e necessità familiare i consigli degli esperti e adesso ho una fantastica bambina bilingue di 8 anni,che legge e scrive in 2 lingue. Voi?


data: Mon, 15 Apr 2002
Da: "Conosciamocimeglio Down"<[email protected]>
A: "Harriet"


Gentile signora,
mi dispiace che a risponderle sia proprio un'"esperta" che, in quanto tale, non può fare altro che ribadire quelle che sono le conoscenze attuali sullo sviluppo dei bambini esposti a bilinguismo: tutti i bambini esposti a bilinguismo, non solo quelli con difficoltà di linguaggio o con ritardo di sviluppo, rischiano un ritardo nella comparsa del linguaggio in produzione.
Tale ritardo si accentua nel caso di bambini che già presentano difficoltà di sviluppo, o globali come nel caso della sindrome di Down o specifiche come nei Disturbi specifici di Linguaggio.
Per fare un esempio: nel corso dello sviluppo normale proviamo ad immaginare la fase in cui il bambino deve comprendere una struttura grammaticale come il possessivo. Deve integrare una competenza cognitiva (il concetto di possesso applicato a soggetti diversi) una competenza lessicale (il nome dell'oggetto da possedere e del soggetto che lo possiede) ed una conoscenza grammaticale (il nome dell'aggettivo possessivo o della preposizione grammaticale, adatti a definire quel concetto). Tutto questo, nelle fasi precoci di acquisizione del linguaggio avviene attraverso la semplice esposizione ad un ambiente linguistico dove il bambino deve saper ascoltare estrapolando le regole implicite negli scambi verbali.
Pensiamo inoltre a quanto queste regole possano essere differenti tra loro nelle diverse lingue.
L'esempio riguardava la capacità di comprensione, immaginiamo quanto questa competenza diventi più complessa quando deve integrarsi con la produzione verbale. E' facile capire come in un contesto bilingue lo sforzo del bambino debba almeno raddoppiare, ed è altrettanto facile immaginare quanto diventi grande questo sforzo nel caso di un bambino che abbia già delle difficoltà, per esempio di tipo cognitivo.
Detto questo, l'esperienza ci insegna che i bambini sono sempre degli individui unici e con caratteristiche assolutamente individuali che non finiranno mai di stupirci riguardo alle potenzialità che possiedono ed alle risorse che sono in grado di mettere in atto.
Per concludere il mio consiglio da "esperta" ribadisce l'opportunità di semplificare, se possibile, un compito così impegnativo come quello dell'acquisizione del linguaggio, soprattutto per un bambino Down, esponendolo inizialmente ad un'unica lingua, quella del contesto ambientale e sociale in cui è inserito, senza precludersi la possibilità di integrare la seconda lingua non appena lo sviluppo linguistico sia avviato.

Stefania Mazotti
Logopedista e psicologa dell'età evolutiva


Data: Thu, 18 Apr 2002
Da:"Harriet"
A: "Conosciamocimeglio Down" <[email protected]>

Gentlissima Dottoressa Mazotti,
Le ringrazio tanto d'aver preso il tempo di rispondere alla mia richiesta di scambio di esperienze. Dato che purtroppo le conoscenze approfondite del materiale in questione sono per il momento poche, vorrei da "profana " e "mamma" mettere le nostre in tavola.
La nostra è una famiglia che vive ogni giorno una realtà bilingue e nostra figlia è cresciuta in quest'ambiente. La bambina era abituata fin della nascita a sentire più di una lingua quotidiamente e non c'erano dubbi della parte nostra che capiva tutte e due. Per lei era tutto linguaggio, cioè un metodo per comunicare. Lei non si è posta il problema di fare l'analisi grammaticale nei suoi primi approcci all'uso del linguaggio. Ha parlato e basta.
Ha cominciato tardi a parlare, ma avendo avuto altri figli prima di lei che hanno ritardato a parlare, una cosa relativamente normale nel bilinguismo, non ci siamo eccessivamente preoccupati.
Mi sembra che i primissimi anni siano assolutamente cruciali per questo tipo di acquisizione, cioè quando il cervello sta ancora formando i "synaspses".
Introducendo una altra lingua più tardi vuol dire sì, che si deve porre il problema di analisi grammaticale, ed anche il problema di traduzione, dato che la costruzione è completamente diversa.
Ammetto che non tutti i miei figli parlano, leggono e scrivono tutti e due le lingue con la stessa scioltezza. Uno si e uno no, ma il più grande studia già una quarta lingua.
Posso dire però che per quanto noi possiamo vedere e capire la bambina non è diversa da loro in quest'aspetto.
Frequenta con un discreto successo il primo elementare (il suo gemello sta in seconda).
Legge bene, al livello di 1a elementare, la sua lingua materna, si difende nella paterna, segue film e cartoni sia in inglese sia in italiano, ascolta storie in tutte e due, canta, parla e gioca in tutte e due, e risponde in modo appropriato, cioè nella lingua della domanda.
Non ha la padronanza del linguaggio parlato che ha i suoi coetani ma capisce quasi tutto, incluso discorsi abbastanza complessi se vuole e comunque si esprime bene sia nell'una sia nell'altra.
Se non mi sbaglio, il ritardo nel parlare che avviene nel bambino col sindrome di Down può essere almeno in parte ridotto, insegnandoli a leggere.
Così almeno affermano i ricercatori britannici che hanno fatto delle ricerche molte lunghe e approfondite.
Si sa già che in genere i bambini capiscono molto di più di quello che riescono a dire o esprimere e insegnandoli a leggere, molto prima di quanto si farebbe normalmente, sfruttando le loro buone capacità visuali, li aiuta a vedere le parole e le frasi e dunque riprodurrle oralmente.
Se questo è vero e le basi ci sono dalla nascita di un utilizzo abituale di più lingue, (rispetto parlando conosco pochi logopedisti che parlino più lingue, dunque per loro è comunque una cosa difficile...sono già grandi!) mi chiedo se sia giusto continuare a scoraggiare questo sviluppo creando forse disagi familiari e sociali e possibilmente togliendo una ricchezza, una marcia in piu?
Perchè non si applicano questi criteri e ci spostiamo nel 21.mo secolo dove parlare solo una lingua sara l' handicap del futuro.
Io ho sempre chiesto e aspettato molto dei miei figli e spero di non aver sbagliato tutto. Dalla bambina col sindrome non ho chiesto di meno, anzi forse qualcosa in più, ma posso dire che finora che meraviglia........
In una famiglia che non vive questo tipo di realtà è ovvio che sforzare una cosa del genere sarebbe ridicolo ma per un bambino che dal concepimento in poi è stato sempre esposto a più lingue, cercare di togliere una mi sembra al minimo un furto.
Per il momento ho fiducia nel percorso che abbiamo intrapreso e spero che rifiutando il consiglio del esperto abbiamo fatto un regalo a nostra figlia e che il fatto che lei si "sforzi" a ragionare in queste due lingue le abbia aperto più possibilità .....vedremo come prosegue........
Di nuovo Le ringrazio di aver aperto il dialogo e chiedo se ci sono genitori con bambini più grandi della mia che hanno scelto questa strada e possono raccontare le loro esperienze in merito?

I miei più cordiali saluti
Harriet


data: Tue, 23 Apr 2002
Da: "Conosciamocimeglio Down"<[email protected]>
A: "Harriet"

Gent. sig.ra Harriet,
evidentemente la sua esperienza ci conferma che le scelte fatte con il cuore e con il buon senso, risultano sempre essere le migliori per i nostri bambini.
Inoltre
ci incoraggia a condurre un'ulteriore ricerca bibliografica sull'argomento. La terremo informata.
Inseriamo intanto questa sua lettera sia nell'area informativa che nell'area narrativa, sperando cha altri genitori che abbiano vissuto esperienze analoghe alla sua si mettano in contatto con noi.
Cordiali saluti

Stefania Mazotti
Logopedista e psicologa dell'età evolutiva