HOME


A proposito di logopedia

From: "Antonella"
To: <[email protected]>
Subject: A proposito di logopedia
Date: Thu, 16 Oct 2003

Salve sono Antonella la mamma di Davide 4 anni e mezzo affetto da sd.

Oltre ad essere mamma sono anche insegnante e di recente ho partecipato ad alcuni corsi di aggiornamento che, per associazioni di idee che non sto qui a spiegarvi, mi hanno portata a pormi delle domande in merito al trattamento logopedico cui è sottoposto mio figlio da più di un anno.
I miei timori possono essere sintetizzati nei punti che seguono:

  • la logopedista si basa molto sull'imitazione di immagini che visualizzano l'articolazione dei suoni,
  • lavora molto sul cognitivo sempre servendosi di schede grafiche da colorare
  • le sue terapie sono molto statiche ovvero il bambino trascorre molto tempo seduto
  • malgrado l'età del bambino e soprattutto considerato che produce soltanto alcune sillabe e non parole, da sempre fa molto uso della scrittura (scrive sempre accanto alle figure le consonanti o le sillabe su cui fa esercitare il bambino).
    Ora, visti i risultati (come ho già detto il bimbo articola solo una decina di parole di senso compiuto) mi chiedo è opportuno  o possibile con altre tecniche che siano più attive; che facciano appello a diversi stili di apprendimento (uditivo, cinestesico...) o "fisiche" che costringano, cioè, il bambino ad adoperare i propri muscoli facciali.
    Grazie